Pedofilia? Gino Paoli porta sfiga.

Da zero a 1300 iscritti in poche ore. Il gruppo di Facebook “FERMIAMO GINO PAOLI !!! Con la pedofilia non si scherza” sta crescendo di minuto in minuto. Il passaparola nelle reti di amicizie del più grande social network del mondo sta contagiando centinaia di persone. In breve il messaggio sarà ripreso anche da comunità al di fuori della “ristretta” cerchia del territorio italiano e la vita artistica di Gino Paoli sarà stroncata da un aberrante testo che, senza troppi giri di parole, giustifica la pedofilia e solletica le abominevoli pulsioni dei pedofili.

Stroncata o glorificata? L’enorme discussione farà chiudere i battenti all’ugola di Gino Paoli o gli farà vendere milioni di copie? Pubblico sdegno o semplice pubblicità? Un virus da combattere o marketing virale?

Il concetto di web 2.0 (di cui si occupa in parte questo blog) è stato identificato con quell’universo in rete nel quale i contenuti generati dagli utenti sono un fiume in piena che straborda, si incanala, si incunea sottoterra, si divide in mille rivoli, torna uno, diventa molti e il bello di questo fiume è che è tutta roba nostra, siamo noi, che decidiamo di dire quello che pensiamo, di condividerlo, su piattaforme diverse, in modalità multiformi. Senza limiti. Potendo raggiungere con un nostro pensiero chiunque abbia il desiderio e l’opportunità di entrarvi in contatto.

Ci sono momenti di grande aggregazione che riescono a uscire da questo nostro mondo sterminato e pure parziale, fatto di gente che ha la fortuna di avere un computer e una connessione a Internet, momenti in cui il senso di questo fiume in piena assume la forza dirompente di un messaggio universale, comprensibile anche a chi vive solo al di fuori del web. In quei momenti il nostro agitarsi in rete esce all’esterno, i telegiornali parlano del POPOLO DELLA RETE, le riviste pubblicano commenti e riassunti, e quello che ha agitato noi sulle pagine digitali del web improvvisamente ci si accorge che agita in realtà tutti. Dentro e fuori dal web. Perché, noi lo sappiamo bene, non esiste questo benedetto “popolo della rete” ma ci sono milioni di persone reali che vivono nella vita reale e che, nel loro mondo abituale hanno la possibilità di comunicare ed esprimersi in rapporto a una più o meno ristretta cerchia di persone, mentre sul web hanno la possibilità di farsi ascoltare da una platea gigantesca.

Così la canzone Il Pettirosso di Gino Paoli può dare origine ad accorate discussioni familiari e portare piccoli gruppi di persone a decidere che a quell’uomo lì non vale la pena dare la soddisfazione di comprare un suo disco che inneggia alla pedofilia. Che quell’uomo lì va fermato. Che al nostro negozio di dischi preferito dobbiamo consigliare di nascondere il cartellone della nuova uscita per evitare che gli spacchino la vetrina… Ciascuno di noi potrà raggiungere qualche decina di persone al massimo con la carica del proprio sdegno.

Sul web la nostra voce ha a disposizione un megafono di enormi proporzioni. Il gruppo di Facebook dedicato alla canzone IL PETTIROSSO in questi ultimi sei minuti è cresciuto di 8 unità. Riporto con piacere al di fuori di Facebook alcuni di quei commenti. Ho già ricevuto notizia di alcune persone che, non avendo ancora un profilo su Facebook, si sono iscritte solo per partecipare a questo gruppo e far sentire la loro voce. Anche per loro, ancora estranee al mondo di relazioni di Facebook, questa aberrazione culturale che cerca di rendere meno mostruoso il volto della pedofilia, va in tutti i modi fermata.

Riprendendo con piacere lo slogan “DALLA PARTE DEI BAMBINI. SEMPRE!!!” ecco una selezione dei commenti che ho trovato nel gruppo di Facebook, su twitter e in qualche altro posto che frequento sul web. Il mio copia/incolla chiaramente indica come la penso. Ma non venite a dirmi che sto direttamente offendendo qualcuno, perché in questa situazione sto semplicemente riportando interventi scritti da altri.
Intitolo questa sezione con uno dei commenti più incisivi:

“GINO PAOLI PORTA SFIGA”

— — —

Si vergogni Gino Paoli e anche Fabio Fazio che lo ospita.

— — —

E’ scandaloso, anche il modo in cui ha giustificato la sua canzone!
Ha citato la sua morale cristiana, beh ecco cosa dice Gesù :”Perciò chiunque diventerà piccolo come questo bambino, sarà il più grande nel regno dei cieli. 5 E chi accoglie anche uno solo di questi bambini in nome mio, accoglie me.
6 Chi invece scandalizza anche uno solo di questi piccoli che credono in me, sarebbe meglio per lui che gli fosse appesa al collo una macina girata da asino, e fosse gettato negli abissi del mare. 7 Guai al mondo per gli scandali! E` inevitabile che avvengano scandali, ma guai all`uomo per colpa del quale avviene lo scandalo! 8 Se la tua mano o il tuo piede ti è occasione di scandalo, taglialo e gettalo via da te; è meglio per te entrare nella vita monco o zoppo, che avere due mani o due piedi ed essere gettato nel fuoco eterno.”

— — —

Anch’io non potrei mai prendere a calci un uomo che giace per terra, anche se è un mostro, ma NON LO GIUSTIFICO, ne lo capisco o lo compatisco.
NON SI TOCCANO I BAMBINI ed è ora che i pedofili vengano considerati dei CRIMINALI e non persone da compatire!!

— — —

questo s’è bevuto il cervello…

— — —

Per me lo fa solo per farsi pubblicità… E’ uno schifo

— — —

Pazzo furioso… e dire che come cantante mi è sempre stato totalmente indifferente…. Non poteva accettare come tanti altri big di sparire in silenzio piuttosto che far parlare per forza di sè con questo testo a dir poco disgustoso? Vergognati Paoli!!!

— — —

[Federico M.] Ma vi riprendete un attimo?????????? E’ una canzone….siete veramente degli sfigati…che appena leggono pedofilia devo far vedere che la cosa gli sta a cuore…cmq io nn sn un fan di gino paoli

— — —

pensate che 3 anni fa era stato accusato di pedofilia ed è stato assolto solo perchè ha corrotto il giudice che seguiva il processo..

— — —

Federico prima di tutto modera i termini perchè non sei a casa tua, poi cosa significa che è una canzone?
Trattare un tema così delicato come la pedofilia in una canzone è già una cosa azzardata in più farlo in questo modo non mi sembra sia stata una bella trovata.
Ci manca solo che ora dobbiamo provare pietà per i pedofili e abbiamo toccato il fondo.
Dì un pò, ma tu sei uno di quelli che parla tanto bene ma poi se gli capita a lui diventa il rambo della situazione? Oppure se ti capita una cosa del genere proveresti pietà?
Facile fare i buoni a parole è…

— — —

Le parole di Paoli dovrebbero fare capire chi magari ha frainteso il testo della canzone.
Ci sarà sicuramente chi non le capirà e continuerà ad attaccare e criticare a vuoto.
Peggio per loro.

— — —

Ma sì, alleggeriamo e rendiamo lecito tutto con la solita tiritera italiana “tanto è solo una canzone” e intanto uno, cantando, lancia messaggi subliminali… A me personalmente fa schifo e lo condanno e non per questo mi sento una sfigata!! E non appoggio di certo la causa PER FAR VEDERE (a chi tra l’altro?? A te?? Ma fammi il piacere!!) CHE MI STA A CUORE, MA SEMPLICAMENTE PERCHE’ MI STA A CUORE VERAMENTE. Stranezza vero che uno posti un concetto che non sia aria fritta??! Ed è pure ora di finirla che ogni volta che qualcuno dissente con qualcun’altro deve sentirsi rivolgere offese di questo tipo.. pensala come vuoi caro Federico ma esprimi le tue idee in maniera più educata; se hai da dare dello sfigato a qualcuno, bene fallo coi tuoi amici.
Per il resto sottoscrivo il post di Marco, non è momento storico questo per cantare cazzate.

— — —

ehm io non ho dato dello dfigato a nessuno e non credo di essere stato maleducato, mi sembra che questa sia la dimostrazione di come si travisino le parole quando non si vuole ascoltare[in questo caso leggere].
Cmq sia se ritieni che ti abbia dato della sfigata mi dispiace non volevo assolutamente. Io ho detto che ci sarà chi non capirà le parole di Paoli e continuerà a sparare sentenze a vuoto, ma non perchè è sfigato, ma perchè non VUOLE capire, o è troppo orgoglioso per ammettere di essersi sbagliato.

Hai ascoltato l’intervista? che cosa ne pensi?
onestamente anche io ero rimasto un poco colpito dalla notizia “Paoli pedofilo” ma dopo avere ascoltato le sue parole mi è sembrato che le accuse siano solo calunnie gratuite.

— — —

ieri gino paoli stava da fazio diciamo x ” pubblicizzare” la canzone…ho detto tutto!!! è una cosa che non mi piace x niente!!! la pedofilia va combattuta e sconfitta con ogni mezzo…non va cantata!!!

— — —

Caro Carlo vorrei che riflettessi un attimo…
L’incontro da Fazio è stato programmato moooolto tempo prima che si indignassero tutti quanti per la canzone “Il pettirosso”.
Paoli è andato a presentare il suo nuovo CD “storie” non la canzone, quindi non vedo perchè “hai detto tutto” a me sembra che tu non abbia detto niente, ti sei solo unito al coro che urla “Paoli pedofilo”.
Su youtube c’è una parte dell’intervista di cui parla della canzone “il pettirosso” vorrei sapere cosa ne pensi, e che accuse muovi a Paoli dopo la sua intervista….

— — —

X Federico H. – ho ascoltato l’intervista e ha ancor più rafforzato le mie perplessità.. l’ho trovata a tratti imbarazzante e per quasi tutto il resto estremamente confusa… parla di malattia mentale, ma chi è lui scusa? Franco Basaglia in persona? Non mi pare che i reati di pedofilia rientrino in quelli per viene riconosciuta l’infermità mentale… anzi! So che sarebbe comodo, ma non è così (grazie a Dio!) Parla di poesia e di interpretazione sostenendo che ki non capirà la sua canzone vuol dire che ha la coscienza sporca… ma come si permette?? E oltrettutto si ritiene un poeta?? Sarà magari il pubblico a decretarlo, perchè lo fa lui? Parla di pietas… ma chi è?? Gesù Cristo?? Ma che ne sa?? Il discorso poi, è nebuloso e confuso.. Ascoltandolo piuttosto mi è passato il lampo che non possa essere un pezzo autobiografico…

— — —

è di una linearità impressionante non vedo dove sia la confusione, riguardo i matti come ha detto lui “..me ne sono occupato tantissimo anche io, ho chiuso al manicomio di trieste una serata pazzesca…”
Poi nel tuo intervento ci sono un sacco di illazioni insensate ,”Parla di pietas… ma chi è?? Gesù Cristo??” puoi parlare di pietà anche senza essere gesù cristo no?
Parla di poesia perchè è un cantautore affermato, e ha dato la sua visione della poesia “.. la poesia non è interpretabile, non ha significato questa canzone, l’arte non è il tema ma come lo svolgi.”
non mi sembrano concetti difficili, puoi non condividerli ma non mi sembra siano condannabili seondo nessun punto di vista.
stendo un velo pietoso sulla calunnia che hai sparato alla fine del tuo intervento perchè mi sembra triste attaccare una persona solo su presunti lampi intuitivi che non hanno basi solide ma solo veleno

— — —

una bambina stuprata da un vecchio gli prende pure la faccia e lo accarezza?wow,che poesia!!!
mamma mia,la gente di spettacolo è senza vergogna,pur di far parlare di sè non guardano in faccia nemmeno il padre e la madre.
che poi nelle interviste si rigira la frittata,il testo è molto palese…lascia intendere che i pedofili vanno perdonati e compatiti……

— — —

L’arte è arte… per l’amor di Dio. Ma la stupidità è un’altra cosa!
L’espressione artistica non va mai censurata, è lo specchio della società in cui si vive. Ed è questo che mi preoccupa.
Una canzone inopporutuna quella di Paoli, stupida e superficiale… esattamente il riflesso di molta parte della società verso un tema tanto drammatico come è quello della pedofilia.
“Pettirosso”? Ne avremmo fatto volentieri a meno.

— — —

SCUSATEMI TANTO, NON VORREI ESSER SOTTINTESA… SONO DONNA E SOPRATTUTTO MAMMA DI DUE SPLEDIDE CREATURE, MA RAVVISO IN QUESTO GRUPPO UN ECCESSO DI MAL-INTERPRETAZIONE DEL TESTO STESSO: NON CREDO CHE VADA LETTO ED INTERPRETATO COME UN INNO ALLA PEDOFILIA, SE LEGGERETE ATTENTAMENTE IL TESTO ED IO LHO FATTO PER BEN 10 VOLTE, OSSERVERETE DELLE SFUMATURE MOLTO DISTANTI DA CIO’ CHE AVETE GIUDICATO E SCRITTO!! LA CACCIA ALLE STREGHE PENSAVO FOSSE FINITA DA UN PEZZO E RELEGATA AGLI ORRORI DELL’INQUISIZIONE INVECE ANCHE SE PUR IN CHIAVE MODERNA ESISTE ANCORA… PERDONATEMI MA NON LA PENSO ESATTAMENTE COSI. SE AVETE DELLE CONTROPROVE CHE IL SENSO DELLA CANZONE SIA DIVERSO DA COME IO STESSA LO VEDO, SIETE PREGATI ED INVITO CHIUNQUE A DISCUTERNE QUI POICHE’ IO LASCIO SEMPRE NEI DISCORSI UNA POSSIBILITA’ DI CAMBIO-VEDUTA SEMMAI FOSSI IN ERRORE.

— — —

Sabina P. ma dove lo leggi che i pedofili debbano essere perdonati? Ce lo vuoi vedere per forza il perdono ma non c’è! c’è la pietà della bambina che è diversa dal perdono..

Marinella I.: perchè ne avremmo fatto a meno?

— — —

Nessuno fa una caccia alle streghe, o per lo meno io nei miei precedenti post non l’ho fatto. Ma la spiegazone di Paoli al testo della sua canzone è assurda…lui dice che per come è fatto lui non darebbe mai un calcio in faccia a una persona a terra anche se è un mostro. bene lo ribadisco, non potrei farlo neanche io ma da qui a scrivere che una bambina (non una donna,una bambina di 11 anni!!) che ha subito un tentato stupro da un uomo di 70 anni poi gli prende il viso tra le mani!?!?
La paura è che con questo testo si intenda la pedofilia un reato giustificabile..

— — —

Federico, ne avremmo fatto volentieri a meno perchè non apprezzo l’uso sprovveduto (e commerciale) che si fa di un tema così delicato. Ribadisco che è una canzone stupida, ambigua, e di cattivo gusto.

— — —

Inoltre Paoli dice che le sue canzoni generano emozioni…beh di sicuro ha suscitato sdegno, indignazione e paura in tanti… e poi come è libero lui di fare poesia, ognuno è libero di esprimere le proprie idee!

— — —

X Federico H. – Intanto ti invito a leggere il commento più sotto al mio, quello di Mattia Velesani che dice testualmente: “pensate che 3 anni fa era stato accusato di pedofilia ed è stato assolto solo perchè ha corrotto il giudice che seguiva il processo..” e quindi posso averlo supposto (e, se mi consenti mi pare lecito) ma pare che qualcuno l’abbia proprio pubblicamente affermato. Il fatto che tu veda una linearità addirittura IMPRESSIONANTE non presume che la debbano vedere tutti, io continuo a cogliere confusione e imbarazzo e da parte tua non mi piace il modo con cui sottolinei la tua contrarietà. Essere un cantautore affermato non fa di una persona qualunque un poeta. E questo, spero, sia fuori ogni discussione…!! La poesia non è interpretabile… l’arte non è il tema ma come lo svolgi… Teorie opinabili… potrei parimenti dirti che la poesia ha mille interpretazioni e che i temi vengono valutati per lo svolgimento e non per il tema… che cazzate

— — —

Questo gruppo è stato creato per tutte quelle persone che non accettano che su un tema tanto delicato come la pedofilia si possa essere poco chiari, o addirittura che possa essere usato per ritornare sulla scena dopo anni anonimato, io così l’ho interpretata ed in Italia purtroppo funziona benissimo.
Ci sono mille altri argomenti che possono creare scalpore non vedo perchè andare a prendere proprio questo che tocca i bambini in prima persona.
Non è nè la prima nè l’ultima canzone che tratta questo argomento, ma che io ricordi, questa è l’unica che lo fa un un modo quantomeno discutibile.
E’ vero che in un paese come il nostro ultimamente ci stanno abituando a non stupirci più di nulla, ma rimango allibito al solo pensiero che una bimba di 11 anni, dopo essere stata violentata, possa provare pietà.
Era meglio scrivere un testo CONTRO LA PEDOFILIA, piuttosto che tutte queste sciocchezze.
Un testo del genere è uno schiaffo ai genitori di questi bambini, si deve vergognare!!!

— — —

non mi sono iscritto…perchè condivido il nome del gruppo. ma per dirvi bravi. il pedofilo si trincea nei silenzi, nell’ignoranza, nell’omerta, quindi parlatene sempre e sempre dalla parte dei bambini. ho un solo timore che le vostre siano parole sterili imbrigliate nella reti di un gruppo…perchè fà figo o fà rabbia. fuori c’è gente che soffre davvero, c’è gente che si dà tutti i santissimi giorni da fare per aiutare (non senza problemi) chi soffree c’è gente che tutti i giorni lotta contro gli orchi sbattendo forte i pugni per farsi sentire. IO STO DALLA PARTE DEI BAMBINI. SEMPRE!!!

— — —

Qualcuno ha mai sentito parlare di pedofilia culturale?
L’associazione Telefono Arcobaleno si schiera contro la divulgazione del pensiero pedofilo. L’obiettivo è quello di conoscere per prevenire il fenomeno e non lasciare che questa pseudocultura, che incita ad usare i bambini, minacci, sempre più da vicino, l’infanzia.
Tra i siti internet con diretti, chiari ed espliciti contenuti pedopornografici ci sono anche quelli di tipo “culturale” che non nascondono l’intento di ottenere la “normalizzazione” del comportamento pedofilo.
“Non c’è nessun orgoglio nella pedofilia e non ci deve essere nessuna giornata commemorativa,” dichiara Giovanni Arena, presidente di Telefono Arcobaleno, (…) I movimenti di pensiero in favore della diffusione delle giustificazioni teoriche della pedofilia preesistono ad internet, alcuni di questi siti sono attivi dal decennio scorso e si rilevano anche non marginali presenze “italiane” per lingua ed espressione.

— — —

X Federico, se il senso è quello che citi nell’ultimo post, allora evidentemente è così. Chiamala emozione sporca, sensibilità sporca, chiamala come vuoi in quanto ti confermo che NON AVREI NESSUNA PIETAS PER IL VINTO!! Se vuoi ti traduco in soldoni il concetto: PER QUEL CHE MI RIGUARDA a chi stupra i bambini e ne viola l’intimità, le emozioni, li priva dell’infanzia e gli straccia la dignità dell’essere umano marchiandolo a vita GLI STRAPPEREI I TESTICOLI E GLIELI FAREI MANGIARE!!! Piantiamola con ste fesserie e sti buonismi, hanno ragione Marco e Massimo: l’argomento è troppo delicato per poterlo trattare frivolamente con una canzonetta!! Ci son tante cagate da canticchiare… ma dobbiamo proprio canticchiare della pedofilia?? Ma per piacere!!! Io, nel mio piccolo, faccio quel che posso, compreso denunciare e urlare la mia rabbia per branetti dementi cantati da cantanti in declino!! Mi accoro a Massimo: IO STO DALLA PARTE DEI BAMBINI!!!!! SEMPRE!! E tu???

— — —

Gino Paoli pezzente chi scherza con queste cose è complice! VERGOGNA!

— — —

vekkio porko!

— — —

ma si è totalmente rincoglionito questo qui? speculare su un argomento del genere poi! VERGOGNA!

— — —

VERGOGNATI IDIOTA!!!!!!!!!!!!!!!!!

— — —

APPOGGIO TOTALE VERGOGNA GINO PAOLI!!!!!!VERGOGNA CHI PUBLICIZZA UNO SCHIFO SIMILE!!!!PEDOFILI A MARCIRE IN GALERA!!!!

— — —

Mio Dio è un orrore…. I brividi solo al pensiero… Su queste cose non si gioca e soprattutto non si specula… VERGOGNAAAAAAAA…..

— — —

Forse non bisognerebbe reagire a caldo, ma quello che sento e che voglio condividere con voi, dopo avere ascoltato la canzone di Gino Paoli sul pedofilo, è di vera nausea. Mi dispiace che un artistache stimavo e che ha scritto canzoni di vero amore possa creare una cosa così vergognosa e peggio ancora giustificare poi a parole. Non ho nessuna pietà per un pedofilo, l’unica pietà cristiana che sento è per quei bambini innocenti violentati, massacrati e rovinati per sempre da chidavvero è senza Dio e senza anima. Mi batto da sempre contro la pedofilia, non la giustifico e continuerò a perseguirla come posso; ed è inaccettabile che la RAI consente in una vetrina così prestigiosa come il programma di Fazio, per fare spot a favore dei pedofili.
IL CANONE IO NON LO PAGO!

— — —

Dopo essere scomparso dalle scene per lungo tempo, sicuramente l’AUTORE doveva riemergere facendo parlare di sè….. e ‘TACCI SUA!!!!! decisamente c’è riuscito: ORRIBILMENTE!!!!!!!

— — —

e’ veramente una grande merda!

— — —

Paoli ci ha detto che un pedofilo di 70 anni non sa cos’è bello e cos’è brutto….e che violentare un bambino è stancarsi di giocare…..Io non capisco cosa gli passa per la testa anche perchè questi signori hanno sempre tenuto il profilo basso e fatto le loro immondizie nascosti dal pubblico. O è un primo passo verso un salto di qualità nel proporre la pedofilia o solo l’arterosclerosi che a 74 anni colpisce anche i presunti poeti…
Comunque ho un enorme senso di ribrezzo addosso……

— — —

Lo dico con tutto il rispetto,per me è completamente impazzito…

— — —

magari tutti i pedofili facessero quella fine!!!!

— — —

la giustificazione di gino paoli….
Gino Paoli asserisce che il brano nasce “dalla pretesa di umanità per tutti e due i protagonisti, anche del mostro” e ci propone la sua idilliaca lettura del violentatore, inteso come “un borderline che non sa cosa è bene e cosa è male”
“Lo stupro” – ci erudisce – “non si consuma fino in fondo, il vecchio ha un attacco di cuore mentre tenta la violenza e la bambina che lo vede a terra morente prova pietà invece di odio, anche perché priva di sovrastrutture”

…..senza parole…..

— — —

solo lacrime!!!!! VERGOGNATI….

— — —

quanto sarebbe bello avere tutta la vostra rabbia e la vostra energia tutti i giorni…per aiutare chi è stato abusato e per combattere gli orchi!
DALLA PARTE DEI BAMBINI. SEMPRE!!!

— — —

va bene che le canzoni le hanno già scritte tutte ma non ti potevi limitare a copiarne una come fanno tutti?
se proprio sei a corto di idee e non hai altro… ritirati.
PS i tuoi dischi li ho già buttati e come Massimo… DALLA PARTE DEI BAMBINI. SEMPRE!!!

— — —

Ma come si fa a scivere un testo del genere….dovrebbe rientrare nel reato di pedofilia culturale esprimere questi tipi di concetti. Mi auguro solo che sia colpa della sua vecchiaia. STOP ALLA PEDOFILIA. I BAMBINI NN SI TOCCANO!!!

— — —

un vecchio muore prima di effettuare uno stupro……in questi casi un processo alle intenzioni io lo farei comunque …e con tanto di sentenza…..e poi gino paoli che vorrebbe dire? che un vecchio borderline è autorizzato a certe cose???? a gino …mo hai capito perche siete rimasti 4 amici al bar???

— — —

io sono mamma di due bambini…. dico solo che non è accettabile nemmeno pensare ad un testo così, figuriamoci scriverlo e cantarlo, che vergogna!!

— — —
la cosa scandalosa non è nel testo, che è semplicemente un conato di vomito, ma che nessuna autorità sia intervenuta, che Fabio Fazio lo ha fatto parlare senza fermarlo per dirgli…ma cosa stai dicendo…qui si vuole coprire uno dei più grandi business del mondo…la pedofilia…mi fate veramente vomitare…

— — —

Pierluigi il secondo se non erro. un sito di pedopornografia guadagna 90 mila euro al giorno. una foto costa da 30 a 60 euro senza considerare i film snaff . e l’età dei bambini abusati e fotografati si abbassa sempre più. DALLA PARTE DEI BAMBINI. SEMPRE!!!

— — —

Pedofili 20anni di carcere,castrazione ed esposizione alla “gogna”per 5giorni al mese per tutta la durata!
Gli dobbiamo sputà in faccia tutti!!!!

— — —

i nonni sono persone meravigliose sei riuscito a sporcare anche loro. VERGOGNA!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

— — —

io come musicista ho la piena stima dell’artista gino paoli ma su questo testo ci vedo poco di atristico ho quasi l’impressione che infondo!! ci sia qualcosa di personale !!!!!!mi potro’ anche sbagliare !!!!spero!!!!!! mmmma!!!!!o potrebbe esssere 1 provocazione per poter far parlare del suo ultimo lavoro e in conseguenza vendere di piu’!!!!!!

— — —

non riesco a capire, a parte gino paoli, TUTTI quelli che questa canzone l’hanno registrata, orchestrata e prodotta, non comprendo TUTTI quelli che la vendono, e TUTTI quelli che in televisione non ne parlano

— — —

Ormai siamo veramnte allo sbando. Gino Paoli spero che ti prenda un’infarto. MALEDETTO!!!!!

— — —

La perversione umana va di pari passo con la sua immensa ignoranza e da questo, far passare come passo poetico e commovente in una canzone, lo stupro di una bambina è l’apoteosi della follia! Gente del genere dovrebbe essere messa in grado di non nuocere alla società trasmettendo i suoi distorti pensieri. Cmq anche chi lo accetta e lo produce è dello stesso rango (se non peggio).

— — —

la cosa più brutta è che non ne parla nessuno sui giornali o nelle televisioni….I BAMBINI NON SI TOCCANO……

— — —

signor Paoli ti ho sempre ammirato come cantante…… mi hai profondamente deluso.

— — —

E allucinante ciò che scrive….. donna una banbina di 11 anni e bambino un uomo di 70…. non dovrebbero permettere che si sentisse nemmeno una nota di quello schifo…..e fazio che lo applaude alla sua trasmissione mentre il pedofilo si croggiola nelle sue cazzate… Tutto questo alimenta e permette agli schifosi di continuare a unirsi e fare le porcate che fanno. Nessuno però ne parla

— — —

MAIL MANDATA…..gino@ginopaoli.it fatelo tutti no insulti anche se c’è da trattenersi parecchio!SPERO GLIENE ARRIVINO TANTE DI PROTESTE A STO ……….

— — —

Una donna di 11 anni sig.Sandy Bell??? so leggere il testo e scrivere una donna di 11 anni e mezzo è scrivere una donna di 11 anni e mezzo, provo sdegno e pietà per uomini cosi….
La pedofilia esiste e va combattuta no cantata!!!!

— — —

se Gino Paoli,ha scritto questa canzone un motivo,pessimo,ci sarà! La canzone non voglio ascoltarla,perchè il solo ascolto,gli darebbe un consenso.Come si fà nei paesi democratici,si boicotta il disco,e si inoltra,agli amici la protesta.La parte penale,la lascio ai giudici,anche se…purtroppo,i processi ai pedofili,finiscono sempre con pene lievi.Eppure basterebbe poco:Basta mandarli un poco in galera:al resto ci penseranno i galeotti:gente che per quanto riguarda i pedofili e violenta le donne,sa come comportarsi.

— — —

ma forse forse fosse un’autobiografia….

— — —

fare soldi con un tema così delicato…!?che vergogna per un artista del suo calibro!si è proprio ridotto male!!!

— — —

…il Sig. Paoli deve essere impazzito…o è colpa della senilità. Ma che la smetta

— — —

a shifoso, un paio di volte ho sentito le sue interviste, oltre ad essere altezzoso e’ pure pedofilo….vergognate e magari te vedo in giro….verme!!!
DEVE DIVENTARE UNO SLOGAN, GRIDIAMOLO TUTTI…”I BAMBINI NON SI TOCCANO”

— — —

volevo aggiungere, visto che hai provato gia’ una volta a suicidarti, perche’ non ci riprovi?…magari adesso ce riesci….una cosa giusta la stavi a fa’

— — —

la pedofilia è il più grave reato contro la natura umana. Basta con le giustificazioni, la comprensione, ma soprattutto con il facile ricondurre tali aberrazioni a problemi mentali. La castrazione, non quella chimica, ma quella cruenta, è il rimedio….i bambini non si toccano!!!!!

— — —

I BAMBINI NON SI TOCCANO!
gino paoli TANTO T’E’ RIMASTO POCO DA CAMPA’ CHE DIO TE SE PORTI VIA E CONTE LA TUA CANZONE E TUTTI I PEDOFILI!!!

— — —

io rimango sbalordita e inorridita allo stesso tempo!vorrei capire secondo quale criterio qualcuno possa pensare che un bambino(o anche un adulto)che subisce violenza,possa in qualche modo provare pieta’ per il suo aguzzino!..e scrivere poi una canzone inverosimile su questo argomento!tutto questo per vendere un cd!..noi ne parliamo e lui si fa pubblicita’! CHE SCHIFO! SULLA PELLE DI CHI HA SUBITO VIOLENZA!..E’ UNA VERGOGNA!!!!

— — —

info@ginopaoli.it è l’inidirzzo del sito ufficiale di questo presunto cantautore scriviamogli manifiestiamo tutto il nostro sdegno!!

— — —

Questa è la mail che ho mandato:

Egregio sig. Paoli il rammarico maggiore è che lei non sia stato capace di togliersi la vita.
La canzone pettirosso è un’offesa a tutti i bambini che subiscono atti di violenza da parte di animali.
Pena di morte per i pedofili e per chi li difende.
Con disprezzo G. F.

— — —

Scusate, qualcuno sa dirmi la casa discografica che ha prodotto l’intero album?
Potremo inviare anche ad essa delle mail, con i nostri pensieri.
Una casa discografica seria avrebbe dovuto rifiutarsi di pubblicare una canzone così.

— — —

ma che sta fuori di melone???

— — —

L’unico rischio di parlare molto di questa cosa, è che non si risolva niente e anzi magari si rischia un successo ancora maggiore del brano…

— — —

caro gino paoli hai fatto na cazzata,attaccavi il microfono al chiodo e tutti te se ricordavano per sapore di sale,dopo sta canzone er sale te lo puoi mette solo che ar…..!morte hai pedofili!

— — —

che orrore….un bambino di settantanni pedofilo è solo un VECCHIO PORCO

— — —

Ormai agli sgoccioli fa di tutto per far parlare di se il bavoso, ma la cosa grave secondo me è che i mass-media non danno il giusto spazio al fatto, quasi a voler rendere il “fenomeno” normale. VERGOGNA!!!!

— — —

GINO PAOLI PORTA SFIGA, toccatevi e cambiate stazione quando lo sentite alla radio….comprare CD o scaricare da I-tunes porta 10 anni di sfiga continua ….ah poi …. buttate ogni vecchio CD…..poi proporrei una nuovo metodo per i quelli che hanno queste passioni..: ne carcere ne soldi da pagare…..LAVORI FORZATI….a pulire le fogne delle città 24 ore su 24…non ho capito perchè dobbiamo pagare le tasse per scaldarli in galera……!!!!! cmq complimenti a chi ha costituito questo gruppo

— — —

sono d’accordo sui lavori forzati, anche se secondo me i pedofili, oltre questa pena, dovrebbero subire l’asportazione chirurgica dei testicoli. in ogni caso Gino Paoli evidentemente nella canzone parla di qualcosa di autobiografico, o nn mi spiego come gli sia potuta venire in mente una nefandezza del genere.

— — —

INTERVISTA DA FAZIO
http://it.youtube.com/watch?v=iI35Y6AehlI

— — —

SPEZZONE DI TELEGIORNALE
http://it.youtube.com/watch?v=2OeA7It_FOU

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: